MATURITÀ ACQUISITA

04-_-aquile-misterbianco-_-2016-17-_-formato-home-ok

È una Domenica nuvolosa e carica di tensione prepartita, insomma una cornice perfetta per un buon match di rugby. Le due formazioni, Aquile Enna e Misterbianco, scendono in campo alle 15:00 per cominciare il riscaldamento e si avverte già il clima di concentrazione tra i volti della squadra di casa.

Il primo tempo vedrà i padroni di casa sulla metà campo del Misterbianco. Le Aquile vanno in meta due volte con Campisi ed una volta con Emma, andando a riposo con il risultato di 19 – 0.

Il secondo tempo sarà caratterizzato da molto nervosismo e poca concentrazione. Saranno tre i cartellini gialli accumulati dalla formazione di casa.

Il dispendio di energie è elevato e con un uomo in meno il Misterbianco riesce a varcare la meta delle Aquile, 19 – 7 e si riparte dal calcio d’inizio.

Mancano cinque minuti ed alle Aquile serve la quarta meta per ottenere l’importantissimo punto bonus in classifica.

Sarà Comito ad intercettare un pallone del Misterbianco ed a dare inizio all’azione che vedrà Maggio F. arrivare in meta al centro dei pali.

Il triplice fischio dell’arbitro Barraco decreterà la fine del match, Le Aquile Enna si impongono con il risultato di 24 – 7 contro il Misterbianco.

Anche questa Domenica è stata una gran bella giornata di rugby.

TABELLINO
15 Campisi T Monaco
16 Campisi T Monaco
19 Emma
24 St  Maggiore T Morace (Misterbianco)
35 St Maggio

Formazione Aquile Enna
1 Ferro, 2 Schimmenti I., 3 Vetri, 4 Rizza, 5 Lucignano, 6 Cammarata S.,
7 Campisi, 8 Emma, 9 Comito, 10 Maggio F., 11 Konate, 12 Monaco, 13 Maggio M., 14 Schimmenti M., 15 Giuffrida

A disposizione
16 Gioia, 17 Castello, 18 Cammarata G., 19 Alaimo, 20 Spena, 21 Grillo,
22 Giunta

All. D’Antona

Formazione Misterbianco
1 Mirone, 2 Murafó, 3 Arrigo, 4 Schillaci, 5 Magro, 6 Giallio, 7 Tricomi,
8 Randazzo, 9 Motta, 10 Morace, 11 Ambrosio, 12 Di Mauro,  13 Maggiore,
14 Cangiano, 15 Ciancio.

A disposizione
16 Saladino 17 Di Mauro

All. Maugeri

Arbitro B. Barraco

– – – – –

Foto di Biagio Virlinzi